Via A. Luzzago 9 a/b/c - 25126 Brescia

Orari

Dal martedì alla domenica dalle ore 16.00 alle ore 19.00

Canali social

Logo Oratorio San Carlo

Collegamenti

News e Aggiornamenti

Un indimenticabile campo invernale 2024

Campo invernale 2024

 

Dal 2 al 5 gennaio si è svolto il campo invernale adolescenti tra le Dolomiti di Brenta. Paesaggi mozzafiato e tante attività hanno permesso ai ragazzi, accompagnati da fra Alberto, Federico e Sara, di trascorrere giornate indimenticabili sulla neve. Ospiti nella casa per ferie Madonna della Neve a Caderzone (Trento), siamo saliti a Madonna di Campiglio e a Campo Carlo Magno per dedicarci con entusiasmo, secondo le proprie abilità, allo sci di fondo e allo sci di discesa. L’aria fresca e cristallina, il cielo limpido e soleggiato hanno reso queste esperienze ancora più piacevoli, offrendo un benvenuto contrasto alla frenesia della vita quotidiana. Tempo è stato dedicato anche a camminate sulla neve, gare di bob e al pattinaggio sul ghiaccio nel Palazzo del ghiaccio di Pinzolo. Insieme a tante attività sono stati vissuti momenti di riflessione richiamando le parole di papa Francesco, di Mattarella e di Ernesto Olivero indirizzate proprio ai giovani all’inizio del nuovo anno. Un invito a essere costruttori di pace, di ponti tra popoli e trasformare i sogni di amore, giustizia e pace in una realtà concreta.

Campo invernale 2024

La consegna della Bibbia

Campo invernale 2024

 

Domenica 21 gennaio 2024, in occasione della V Domenica della Parola di Dio, i ragazzi del gruppo ICFR Gerusalemme hanno ricevuto la Bibbia. Auguri a Emma, Iris, Rebecca, Davide, Riccardo, Valentino, Tommaso e a Carlo Giorgio perché possano leggere e approfondire la Parola del Signore che illumina e custodisce la vita. 

Manutenzione dei tetti dell’Oratorio

Torino 1 - 2 aprile 2024

 

Il 22 gennaio 2024 Oratorio San Carlo ha vissuto una giornata di cura e manutenzione straordinaria dei tetti con il riposizionamento ed eventuale sostituzione dei coppi da parte della ditta Vigital srl, per prevenire eventuali infiltrazioni d’acqua. L’obiettivo principale era preservare l’integrità strutturale del tetto degli edifici che si affacciano su via Luzzago, della chiesa e garantire che l’oratorio rimanga un luogo sicuro e accogliente per tutti. Sono stati rinnovati anche alcune grondaie e tubi di scolo delle acque piovane.

Dal 1 al 2 aprile 2024

TORINO 2024

Sui passi di san Giovanni Bosco

Torino 1 - 2 aprile 2024

L’Oratorio San Carlo dà il benvenuto all’Associazione Montessori

DA GENNAIO HA PRESO SEDE NEL NOSTRO ORATORIO

L’Associazione Montessori, ente di formazione per insegnanti, educatori e genitori, affiliato all’Opera Nazionale Montessori, ha trovato una nuova casa e, da gennaio 2023, si è trasferita nelle sale al primo piano dell’Oratorio San Carlo di Via Luzzago a Brescia.

È un cambiamento che porta con sé la gioia e l’entusiasmo di un nuovo inizio in un contesto parrocchiale molto vivo, multiculturale, partecipato e accogliente. Siamo molto felici e grati di questa possibilità che ci è stata concessa da …

Continua a leggere

Fra Cristian e Fra Alberto e faremo del nostro meglio per dare il nostro contributo alle attività e ai progetti della Parrocchia.

Vi raccontiamo qualcosa sulla nostra Associazione.

L’Associazione Montessori Brescia è nata nell’aprile del 2013 con il duplice obiettivo di diffondere il Metodo Montessori, attraverso corsi di formazione per insegnanti, educatori e genitori e, in parallelo, di organizzare iniziative culturali su temi di interesse collettivo come il rispetto dei diritti umani, la promozione della parità di genere, la lotta al bullismo, la promozione di una società multiculturale, l’educazione alla pace.

Ad oggi l’Associazione ha formato circa 700 insegnanti ed educatrici montessoriani/e (dal nido, alla scuola dell’infanzia e alla scuola primaria e secondaria di primo grado); ha contributo alla nascita di numerose realtà educative nel territorio bresciano che utilizzano il metodo Montessori, dal nido alla scuola primaria, e ha organizzato centinaia di eventi tra convegni, conferenze, presentazioni di libri, corsi, incontri per genitori, fiere, spettacoli, musical e mostre. Abbiamo dato vita, in collaborazione con Il Leone Verde Editore, alla collana Appunti Montessori che ha all’attivo la pubblicazione di testi montessoriani inediti in Italia e di grande valore storico e pedagogico.

Dal 2015 Associazione Montessori Brescia promuove la rassegna “Donne Straordinarie”, che ogni anno premia una donna che si è distinta per il suo impegno civile. Tra i nomi eccellenti: Rita Borsellino, Silvia Vegetti Finzi, Liliana Segre e Fiorella Mannoia. È socia onoraria e grande sostenitrice della nostra Associazione Carolina Montessori, bisnipote della dottoressa Montessori e lo è stata fino alla sua scomparsa Grazia Honegger Fresco, sua allieva diretta.

Molto spesso ci viene chiesto che cosa abbia ancora da insegnare la Montessori in un mondo tecnologico e globalizzato come quello in cui viviamo, con bambini molto diversi da quelli vissuti a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento. Maria Montessori in realtà è stata una donna di grandissimo acume e modernità, una femminista ante litteram ed una scienziata capace di precorrere i tempi ed intuire ed approfondire aspetti psicopedagogici ancora oggi di grande attualità. Le moderne neuroscienze, infatti, confermano l’ipotesi montessoriana della profonda connessione fra sensorialità e processi mentali, fra apprendimento ed esperienza tattile, fra utilizzo delle mani e corrispondente elaborazione cerebrale. L’approccio educativo montessoriano è incentrato sul riconoscimento dell’importanza della funzione del bambino nel processo di formazione della personalità dell’uomo, sul suo ruolo costruttivo ed anche adattivo, è favorito da condizioni che permettono ai bambini di agire seguendo i loro bisogni interiori, i loro ritmi e i loro tempi e di manifestare quindi le personali attitudini di ognuno. Un modo di apprendere che punta non solo a far emergere le peculiarità del singolo ma che rispetta anche il diritto alla libertà (di esprimersi, di sbagliare, ecc.), condizione primaria per favorire lo sviluppo della personalità. La correttezza di questa visione è continuamente dimostrata dall’intensità con cui i bambini partecipano alle attività montessoriane.

Quello montessoriano non è solo un metodo pedagogico e didattico ma una concezione rivoluzionaria dell’educazione, un vero e proprio aiuto alla vita.

Valido ed efficace oggi come ieri.

Siamo a disposizione per chi volesse saperne un po’ di più, partecipare alle nostre attività di formazione e ci auguriamo di poter condividere con la comunità parrocchiale momenti culturali e formativi che favoriscano una convivenza pacifica e rispettosa dei diritti di tutti e di ciascuno.

Rosa Giudetti
Presidente Associazione Montessori Brescia

I GIOVANI DELLA PARROCCHIA A LISBONA PER LA GMG

30 giovani della nostra parrocchia hanno partecipato alla Giornata Mondiale della Gioventù in Portogallo. Entusiasmo, colore, gioia, fatica… possono descrivere i giorni intensi vissuti a Lisbona. Abbiamo sperimentato la cordiale accoglienza dei portoghesi, l’incontro con i giovani di tutto il mondo con i loro canti e le loro bandiere, la semplicità nel dormire con il sacco a pelo per terra e di un pasto frugale, la scoperta della città e la visita del santuario di Fatima, un tuffo nell’oceano e il risuonare nel cuore delle parole di papa Francesco: camminare nella speranza, guardare le radici per andare avanti senza paura!

LE PAROLE DI PAPA FRANCESCO AI GIOVANI

Cari giovani,
la gioia è missionaria, non è per sé stessi.
Chi ama corre e vola con gioia. Guardiamo a chi ci ha aiutato, alle persone che sono state un raggio per la nostra vita: genitori, sacerdoti, animatori… ossia le nostre radici nella gioia. Avete trovato dei volti e delle storie? Questa gioia che viene nelle radici dobbiamo donarla. La gioia va scoperta nel dialogo con gli altri. A volte stanca, vi siete mai stancati? Non si ha voglia di far niente, ci abbandoniamo e cadiamo. Credete che una persona che cade sia finita? Serve alzarsi, nell’arte dell’ascesa in montagna il problema non è cadere ma è il rimanere caduti (proverbio degli alpini). Colui che rimane “caduto“ chiude la speranza. Quando vediamo qualcuno a terra aiutiamolo ad alzarsi: lo si guarda dall’alto, questo è l’unico momento lecito di guardare una persona dall’alto al basso.

Nella vita, per raggiungere le cose, serve allenarsi! Guardiamo al calcio: dietro a un goal c’è molto allenamento. La vocazione che abbiamo nella vita richiede allenamento nel cammino. Non ci sono corsi che insegnano a camminare, ma si impara con le altre persone. Camminare con una meta, allenarsi e se si cade rialzarsi. Niente è gratis, solo una cosa: l’amore di Gesù.

È bello per noi stare qui? Questi giorni lo possiamo dire veramente! Vi affido tre parole.
Brillare. Gesù aveva annunciato la sua risurrezione, deludendo le attese dei discepoli. Per aiutarli ad assumere la via della gloria di Gesù che è la croce, mostra a Pietro, Giacomo e Giovanni un lampo di luce. Abbiamo bisogno di lampi di luce per illuminare nostre tenebre. Gesù è luce, brilliamo non quando siamo sotto i riflettori forti e vincenti ma quando brilliamo della sua luce con opere di amore. Nell’egoismo la luce si spegne.
Ascoltare. Nel Vangelo Gesù ha una parola per tutti, mostra il cammino dell’amore.

Non temere. Questo invito si ripete tante volte nel Vangelo, rivolto anche a voi giovani, che avete vissuto la gloria di questi giorni. A volte pensate di non poter realizzare i vostri sogni e mascherate il dolore. La chiesa ha bisogno di voi come la pioggia la terra, siete il presente e il futuro. Ripetete in silenzio: non temete! Non abbiate paura.

Gesù stesso vi guarda in questo momento e conosce il vostro cuore: allegrie, tristezze, soddisfazioni e cadute. Dice: non abbiate paura!

IL LOGO DELLA GIORNATA MONDIALE
DELLA GIOVENTU’ DI LISBONA

Ecco la descrizione del logo della GMG di Lisbona, ispirato al tema dell’evento: “Maria si alzò e andò in fretta”(Lc 1,39). L’autrice è Beatriz Roque Antunes, 24 anni, designer portoghese.

Il logo della GMG di Lisbona, ispirato al tema Maria si alzò e andò in fretta (Lc 1,39), ha come elemento principale la Croce attraversata da un sentiero dove sorge lo Spirito Santo. È un invito rivolto ai giovani perché non stiano fermi e siano i protagonisti della costruzione di un mondo più giusto e fraterno, come ha spiegato l’autrice, la giovane designer portoghese Beatriz Roque Antunes.

I colori – (verde, rosso e giallo) evocano la bandiera portoghese.
La Croce – La Croce cristiana, segno dell’infinito amore di Dio per l’umanità, è l’elemento principale, da cui tutto nasce.
Il sentiero – Il racconto della Visitazione ci rivela che Maria era pronta a vivere secondo la volontà di Dio, disponibile a servire Elisabetta. Questo movimento sottolinea l’invito rivolto ai giovani a rinnovare il “vigore interiore, i sogni, l’entusiasmo, la speranza e la generosità” (Christus vivit, 20). Accanto al sentiero c’è anche una sagoma che evoca lo Spirito Santo.
Il Rosario – La scelta del Rosario celebra la spiritualità del popolo portoghese nella sua devozione alla Madonna di Fatima. Questo è posto sulla strada per ricordare l’esperienza del pellegrinaggio che è molto sentita in Portogallo.
Maria – Maria è raffigurata come fanciulla per esprimere la giovinezza della sua età, caratteristica di chi non era ancora madre, ma già portava dentro di sé la luce del mondo.

Origini e storia

L’idea di creare un raduno mondiale dei giovani che compongono la Chiesa Cattolica fu di San Giovanni Paolo II, che convocò i giovani prima a Roma (1984, 1985, 2000) poi a Buenos Aires (1987), Santiago de Compostela (1989), Częstochowa (1991), Denver (1993), Manila (1995), Parigi (1997), Toronto (2002). Altrettanto fece il suo successore Benedetto XVI nelle città di Colonia (2005), Sidney (2008) e Madrid (2011). Infine Francesco, che ha accolto i giovani a Rio de Janeiro (2013), a Cracovia (2016) e a Panama (2019). Proprio lui da Panama ha annunciato che il prossimo incontro si terrà a Lisbona nel 2023.

IL NUOVO MURALES NEL CORTILE DELL’ORATORIO

A seguito dei lavori di rinnovo svolti nel 2021, della locazione di giochi e attrezzature per i bambini e della cura dell’area verde protetta, Oratorio San Carlo ha avviato una collaborazione con l’Accademia Santa Giulia, in particolare con gli studenti del biennio specialistico di Decorazione Artistica, guidati dal prof. Adriano Rossoni.

Gli studenti sono stati coinvolti a…

Continua a leggere

dicembre 2021 nella progettazione di un murales, da realizzare sulla parete nord del cortile (superficie di circa 200 mq), che unisse i temi di natura, incontro, cultura ed esprimesse un messaggio di accoglienza e incontro per tutti coloro che frequentano l’oratorio, italiani o stranieri, cristiani o di altre confessioni.

Gli studenti hanno elaborato 5 differenti progetti e nel febbraio 2022 è stato scelto il progetto “Natura e Cultura” che ha espresso, nel migliore dei modi, le tematiche indicate, ispirato agli alberi di Leonardo Da Vinci in Castello Sforzesco a Milano. L’intervento prevede dei costi legati al posizionamento di un ponteggio fisso per una settimana, materiali di sicurezza, attrezzature, pitture, con una spesa prevista totale di 3.500 Euro più IVA. Il progetto sarà realizzato dai giovani studenti a metà del mese di maggio!